Il pranzo o la cena

Prendiamo in considerazione quello che per voi è il pasto più leggero. Generalmente nelle famiglie i bambini dovrebbero cenare dalle sette alle otto di sera e verso le nove andare già al letto. Di conseguenza, automaticamente il pasto più leggero per i bambini è la cena. Anche se in alcune realtà, i bambini hanno il loro pasto principale la sera con i genitori; per loro, quindi, il pranzo è il pasto più leggero.

Molti genitori sono scontenti perché preparano sempre le stesse cose per il loro pasto più leggero (pranzo o cena che sia) e non riescono a variarlo. Eccovi qui una regola semplice, ma valida che potete seguire: un piatto sostanzioso con molte calorie; un frutto o una verdura.

Panini imbottiti con varie cose e in vari modi possono costituire il piatto sostanzioso per i bambini che siano già alquanto grandicelli.

I bambini di un anno non riescono invece a masticare bene il pane, mettono quindi da parte il pane per mangiare solamente quello che c’è in mezzo. Verso i due anni cominciano ad arrangiarsi meglio. Potete usare pane scuro, pane integrale, pane di segale, pane bianco per cominciare, e dopo i due anni aggiungete pane all'olio e panini al latte. Spalmate con un po' di burro o margarina o formaggio molle. Potete anche aggiungere un velo di marmellata, di gelatina, di miele, per rendere il panino più appetitoso, ma non mettete uno strato grosso di queste sostanze zuccherate. Dopo i due anni, i sandwich si possono fare con una gran quantità di cibi, semplici oppure mescolati assieme: verdura cruda (lattuga, pomodoro oppure carote grattugiate o verza), frutta cotta, frutta secca tritata, uova, pesce in scatola, pollo o carne tritata o affettata. Si può usare il formaggio per spalmare il pane, oppure grattugiato, e più tardi a fettine. Il formaggio di tutta panna o, dopo i tre anni, un po' di maionese si possono unire a molte delle sostanze sopra elencate.

Un cibo piuttosto sostanzioso, da servire ogni tanto, è un brodo o una zuppa con molto orzo o riso o pastina; oppure una minestra di verdura, semplice o passata, con dentro un po’ di pane tostato e tagliato a cubetti.

Un uovo affogato o bollito oppure strapazzato si può dare (oltre o invece dell’uovo del mattino) sulla fetta di pane abbrustolito, che può essere anche sbriciolata nell'uovo.

I cracker (biscotti duri senza zucchero, preferibilmente di grano intero) si possono servire come sono oppure spalmati con qualcosa o in una scodella di latte caldo. Il pane e il pane abbrustolito a fette o a pezzi, salato, può anche essere dato in una scodella di latte caldo o freddo.

Anche le patate sono un buon piatto sostanzioso, se piacciono al bambino. Qualche volta si possono usare maccheroni, spaghetti o pastina.

Cereali cotti, precotti o secchi a cena possono sembrare più gustosi se uniti a spicchi di frutta cruda, frutta cotta, frutta secca tagliuzzata o un poco di zucchero scuro, miele io melassa.

Invece di un primo piatto sostanzioso seguito da frutta cotta o cruda, talvolta potete servire prima una verdura a foglie verdi oppure gialla o un'insalata di verdura. Poi date, come “dulcis in fundo”, un budino di latte: crema caramella, riso, tapioca, semolino; una volta tanto un gelato, al bambino più grandicello.

Anche la banana è un ottimo dessert sostanzioso.

Alcuni bambini rifiutano e sembrano poter fare a meno di molti amidi. Possono trarre calorie a sufficienza dal latte, dalla carne, dalla frutta, dalla verdura, e aumentano di peso normalmente. Da questi cibi essi traggono anche le vitamine del complesso B. In altre parole, i cereali e gli altri amidi sono le sostanze di cui meno vi dovete preoccupare per la dieta del bambino. Lasciatelo senza anche per settimane, se sta bene ugualmente.