I Cereali

Il neonato di un anno può mangiare uno o diversi tipi di cereali già cotti, come pure avena cotta e cereali di farina intera cotti. Se gli piacciono, continuate a darglieli una o due volte al giorno.

Il vostro bambino può preferire ugualmente i cibi solidi o invece teneri e morbidi. A volte la consistenza pastosa li disgusta; quindi cercate di preparare le pappe a base di cereali in modo che siano abbastanza liquide. Se si stanca di un tipo, tentate con un altro di cui non si sia stancato prima. Qualche volta potete anche dargli riso bollito, farina di mais o uno dei cereali di grano brillato.

I cereali “secchi” generalmente non vengono dati ai bambini sotto i 5 anni. Il frumento intero e l’avena sono i più utili perché ricchi di vitamine e di minerali; granturco e riso sono meno utili.

È preferibile non comprare cereali che non sono a base di farina integrale, neppure i Corn flakes ricoperti di zucchero; non hanno un importante valore nutritivo a questa età.

Il pane è un cereale

Se un bambino è stanco del solito cereale servito alla prima colazione, potete dargli invece una fetta di pane, una focaccina oppure un panino di farina di frumento, segale o avena. Se fate cuocere il cereale al forno avrà lo stesso valore nutritivo che se lo fate bollire. Il fatto che sia caldo o freddo non comporta alcuna differenza nel suo valore nutritivo o nella digeribilità. Spalmatelo di burro o di margarina (una quantità molto ridotta se è per un bimbo di un anno), oppure di purea di frutta o di marmellata, se volete che il pane sia più appetitoso.