I genitori con le idee educative confuse

I genitori confusi appartengono spesso a due categorie: la prima è di coloro che sono stati educati con pochissima fiducia nel proprio buon senso. Se non si ha il coraggio di avere fiducia in se stessi, si è destinati, volenti o nolenti, a seguire ciò che dicono gli altri. Alla seconda categoria appartengono quei genitori che pensano di essere stati allevati troppo severamente Essi ricordano il risentimento che avevano provato, a loro tempo, verso i genitori, e non desiderano che i loro figli provino medesimi sentimenti verso di loro. Se volete educare i vostri bambini così come voi lo siete stati, avete un ben preciso modello da seguire. Sapete esattamente come desiderate crescano, ubbidienti, servizievoli, educati; non avete bisogno di fermarvi a pensare. Se volete trattarli anche soltanto un po' differentemente da quanto voi stessi siete stati a suo tempo trattati, con più dolcezza, per esempio, o più cameratismo, non avete invece alcun modello su cui basarvi. Se le cose vi sfuggono di mano, se il vostro bambino approfitta della vostra arrendevolezza, è difficile trovare il modo di tornare sui vostri passi.

Se vi fa diventare furiosi, pazienza, ma la sensazione di colpevolezza vi porterà per paura ad assumere un atteggiamento che avevate deciso di non adottare.

Tutti noi, da neogenitori, cominciamo in parte accettando e in parte rifiutando i metodi usati a loro volta dai nostri stessi genitori. Si arriva poi, in genere, a un compromesso che funziona abbastanza bene.

Attenetevi alle vostre convinzioni

I bravi genitori, che tendono naturalmente alla severità, debbano attenersi ai loro principi nell'educare i figli. Una moderata severità, che esiga buone maniere, ubbidienza pronta, pulizia, non fa male ai bambini, se i genitori sono gentili e comprensivi e se i bambini crescono felici e socievoli. Ma la severità è dannosa se i genitori sono troppo autoritari, duri, mai contenti e se non tengono in nessun conto l'età del bambino o della bambina, oppure il loro particolare carattere e i loro particolari problemi. Questo tipo di severità ha come risultato che i bambini sono o troppo remissivi e senza personalità, oppure meschini e cattivi verso gli altri.

I genitori, invece, che propendono per un tipo di educazione più disinvolto, che non tengono eccessivamente alle buone maniere, purché il comportamento dei loro bambini sia aperto e socievole, che non sono particolarmente rigidi riguardo, per esempio, l'ubbidienza e la pulizia, possono anche allevare dei bambini buoni e rispettosi, purché non abbiano paura a mostrarsi severi e di polso fermo su alcuni punti che a loro sembrano importanti. Quando dei genitori ottengono dei risultati negativi per troppa arrendevolezza, non è tanto perché pretendono troppo poco, anche se questo è parte del problema. La causa è da cercarsi piuttosto nel fatto che questi genitori sono timorosi o si sentono colpevoli per quello che chiedono ai loro figli, e di conseguenza li incoraggiano inconsciamente a spadroneggiare.