Asili nido

È una parola recente che serve a indicare delle istituzioni, pubbliche e private, nelle quali ci si prende cura di bambini i cui genitori lavorano (spesso dalle otto di mattina fino alle sei di sera). In genere questi asili nido presentano parecchi vantaggi: sono aperti gran parte della giornata, il livello è elevato, il personale è specializzato e l’attrezzatura è vasta e di tipo pedagogico.

L’idea degli asili nido prese piede durante la seconda guerra mondiale quando il governo americano volle incoraggiare anche le madri con bimbi molto piccoli a lavorare per le industrie belliche. Sono principalmente per bambini dai due - tre anni fino ai cinque, spesso però si accettano anche bambini più piccoli oppure bambini già in prima o seconda elementare che si fermano lì dopo la scuola e vi passano il pomeriggio fino a che i genitori non vanno a riprenderli verso le cinque o le sei del pomeriggio. È assolutamente richiesto che le insegnanti siano maestre diplomate di scuola materna. Personale non specializzato viene poi impiegato per assistenza. Vi sono inoltre degli asili nido che accettano anche i neonati (da zero a due anni di età).

I giochi nelle scuole materne e negli asili nido

L’uso di parole come “giocare” o “recitare” dà l’impressione alla gente che non si tratta che di attività di puro divertimento, completamente prive di scopi più seri. Niente può essere più sbagliato. Molti giochi sono una cosa seria per i bambini più piccoli, è il loro modo di imitare le attività dei grandi, così essi possono impararle e maturare. “Recitare”, in altre parole ripetere con propri gesti e parole qualche episodio cruciale della loro vita o di quella dei loro genitori è un modo per imparare a controllare le loro emozioni più forti. Forse si sono spaventati del dottore, cosi giocano a fare il dottore loro stessi e fanno le punture alla bambola. Questo è un superamento della paura attraverso un processo che in psicologia si definisce come “passare dall’attivo al passivo”. Se sono stati terribilmente gelosi del fratellino o della sorellina e sono stati fatti sentire molto colpevoli per questo, ora, per rassicurarsi del fatto che hanno superato questo sentimento “cattivo”, inventano delle situazioni drammatiche in cui essi sono i genitori e puniscono la loro bambola che è stata cattiva e gelosa nei confronti di qualcuno.

Tutti i bambini maturano da un punto di vista emotivo quando giocando esprimono i loro sentimenti. Le scuole materne rendono questo più facile mettendo a loro disposizione varie attrezzature e coetanei con cui giocare e recitare ruoli diversi nelle commedie dell’uno o dell’altro.

Giocando i bambini imparano anche ad andare d’accordo con bambini e adulti di personalità diverse, a provare piacere nel dare e nell’avere e a risolvere dei contrasti. Dondolarsi sulle altalene, andare in triciclo o fare altri giochi sono utili ai bambini per imparare una certa coordinazione fisica.

Il senso di cooperazione, di iniziativa e di creatività che i bambini possono sviluppare in un buon asilo nido li aiuterà e li preparerà socialmente, emotivamente e intellettualmente, non solamente a entrare alla scuola materna e alla scuola elementare, ma anche per la loro carriera futura come adulti.